SPORT E REGOLE, IL PDL ERETINO PROVA A FARE OPPOSIZIONE

Il PDL eretino tenta di imboccare la via dell'opposizione alla giunta di centrosinistra, dopo il doppio schiaffo della perdita alle elezioni con lo sfilamento di Antonino Gatto, candidato a sindaco un paio di anni fa per la coalizione di centrodestra e la scissione nel gruppo consiliare con la fuoriuscita dalla compagine di due pezzi da novanta come Antonio Terenzi e Marco D'Andrea, passati con La Destra di Mario Belli.

L'occasione è l'incontro sullo "Sport e Regole" a cui hanno partecipato una cinquantina di persone, fra cui molti responsabili delle maggiori associazioni sportive cittadine e l'ex assessore allo Sport Riccardo Varone.

"Lo sport a Monterotondo potrebbe essere uno degli elementi più qualificanti della nostra città, capace di attirare persone dal circondario e dalla città di Roma, in particolare dal IV municipio" ha sottolineato Amedeo Giustini, della direzione cittadina.

"Parlando di sport come non si fa a parlare della situazione dello stadio Cecconi? - si è chiesto Donato D'Angelo, capogruppo Pdl a Palazzo Orsini - Chiediamo al sindaco di fare chiarezza su questa storia: aspettiamo una sua risposta. Noi siamo per il coinvolgimento dei privati nella gestione degli impianti sportivi comunali, insieme alle associazioni sportive. Vogliamo, inoltre, che la consulta dello Sport sia veramente operativa, altrimenti ci attiveremo noi come partito per tenere i contatti con le varie realtà sportive cittadine."

"Per il prossimo anno sono previsti soltanto 30mila Euro per la promozione sportiva - ha sottolineato Cluadio Cursi, sempre del Pdl - Come si fa con questa cifra a favorire l'educazione sportiva a Monterotondo. E poi è vero, abbiamo diverse strutture nella nostra città, ma sono state tutte realizzate una ventina di anni fa. Da allora non si è fatto più nulla."

"E' vero tutte le maggiori strutture sono di quel tempo, quando ero io assessore allo sport - ha ricordato Roberto Amici, del Monterotondo Volley - Anche se nel frattempo è stata rimodernata la piscina e realizzata la pista ciclabile, un'altra struttura per lo sport di base. Nella nostra città ci sono 7mila sportivi; si va da professionisti a semipro ed ai dilettanti della domenica. Per alcuni sport dobbiamo avere una sola società sportiva, in modo tale che si garantisca un livello qualitativo alto per chi fa quello sport. Dobbiamo ragionare nell'ottica del sistema integrato; organizzare grandi eventi sportivi, noi del Volley siamo arrivati al livello europeo in modo tale che ci sia una ricaduta economica anche per il resto della città. Lancio una proposta: perché invece di puntare sull'università, non puntiamo sull'IUSM. Ci pensate trecento studenti a Monterotondo, che studiano, vivono e spendono in città? Lo sport può essere un fattore di sviluppo per Monterotondo. Il palazzetto dello sport, ma bisognerebbe chiamarlo palestra, potrebbe avere una potenzialità enorme, ma così com'è non si può ricavare nulla. Se si potesse intervenire in maniera adeguata si troverebbero pure imprenditori disposti ad investire."

"Parlo come cittadino prima che come politico - ha esordito Ubaldo Conti, del Pdl - Lo sport ha Monterotondo ha salvato molti della mia generazione dalla droga. E questo perchè le giunte di sinistra hanno realizzato tutte le strutture che abbiamo anche oggi. I tempi, però sono cambiati; è aumentata l'educazione allo sport e le amministrazioni pubbliche non hanno più risorse. Si può crescere soltanto con l'intervento dei privati."


Galleria Fotografica:

Scarica Adobe Flash Player se non riesci a visualizzare questo Filmato.

Condividi l'articolo:


Rubriche

  • CHI VOTERESTE PER IL SINDACO DI MONTEROTONDO


    MAURO ALESSANDRI (sindaco uscente)
    MAURO D'ANDREA (centro destra)
    ILARIA CALABRESE (movimento cinque stelle)
    FABIO FEDERICI (liste civiche)
    ANTONIO TERENZI (fratelli d'Italia)



Area Riservata

utente:
password: