LE BOLLETTE DELL’ACQUA PER I MENTANESI NON AUMENTERANNO!

Anche con il voto di Mentana è stato scongiurato l'aumento del 4,9% delle bollette idriche Acea. L'assessore Tonino Tabanella, in rappresentanza del Sindaco Benedetti all' Assemblea dei Sindaci dell’Area Metropolitana, con il suo voto ha contribuito all'approvazione della nuova delibera, che blocca l'aumento del 4,9% delle bollette idriche deciso dall'Autorità per l'energia nel 2016, pur mantenendo inalterati i fondi per i nuovi investimenti. Questo soprattutto perché il poco tempo a disposizione della maggior parte dei sindaci neo eletti, non ha permesso loro di analizzare in maniera approfondita la reale situazione rispetto alla consistenza dell'aumento. Pur essendoci la consapevolezza che si è trattato solo di un rinvio degli aumenti, è stato intanto evitato un incremento delle bollette idriche dal primo gennaio 2016. Dando la possibilità già dal prossimo settembre di organizzare dei tavoli di lavoro specifici per ambito, nei quali, oltre ai Sindaci, siederà anche Acea, con la possibilità di individuare concretamente e con tempi certi gli investimenti da effettuarsi sul territorio. E anche di rinegoziare i successivi aumenti. Oltre a tutto ciò si rivedranno i criteri di ridistribuzione del fondo di solidarietà e l'annosa problematica dei distacchi per morisità. Perché è volontà dell'amministrazione di Mentana far sì che le fasce più deboli possano usufruire di maggiori tutele sia per quanto riguarda i criteri di distribuzione del Fondo di solidarietà, sia per la problematica riferita ai distacchi per morosità.

 

"Con questo atto abbiamo bloccato i consistenti aumenti previsti nelle bollette idriche dei nostri cittadini.- Ha commentato l’assessore Tabanella- Inoltre è intenzione del sottoscritto di portare sui tavoli di lavoro la revisione dei criteri di ridistribuzione del fondo di solidarietà, in modo tale che siano maggiormente tutelate le fasce più deboli, con sgravi maggiori previsti in bolletta. Inoltre eviteremo che famiglie, con già gravi problemi economici, ne possano avere altri, allorquando impossibilitati dalle loro condizioni economiche, non fossero in grado di pagare la bolletta, subendo quindi il distacco immediato dell'acqua corrente".

“L’acqua per noi è un bene comune- ha detto il Sindaco Marco Benedetti- e per questo ci adoperiamo da sempre. Dunque abbiamo sostenuto la posizione della maggioranza dell’Assemblea e del Sindaco della Città Metropolitana Virginia Raggi per non far aumentare le bollette dell’acqua di quasi il 5 %”. 


Condividi l'articolo:


Rubriche

  • CHI VOTERESTE PER IL SINDACO DI MONTEROTONDO


    MAURO ALESSANDRI (sindaco uscente)
    MAURO D'ANDREA (centro destra)
    ILARIA CALABRESE (movimento cinque stelle)
    FABIO FEDERICI (liste civiche)
    ANTONIO TERENZI (fratelli d'Italia)



Area Riservata

utente:
password: